Ciao, eccomi qui con pezzetti della mia vita.

Ho 46 anni, sono felicemente sposata (per la seconda volta) amo cani e gatti e ho due maltesine che sono la mia vita.

Sono nata in Puglia, nella città di Taranto.  

Amo la cultura, gli spazi verdi, i concerti all’aperto, le menti brillanti e la pace degli alberi.

Da 5 anni mi sono trasferita in provincia, dove ho ritrovato  il piacere di passeggiare tra l’erbetta e godermi le stradine del Sud, inclusi i mercatini locali che amo tanto.

Da piccola mi piaceva chiacchierare tantissimo, fare domande, giocare con le costruzioni, leggere, disegnare, cantare, ballare. Tutte cose con le quali sentivo gioia pura.

Come tante persone anche io ho avuto periodi neri, anche molto lunghi.

Ho sempre avuto rapporti familiari pesanti come macigni.

Un matrimonio a 32 anni rivelatosi senza amore e senza sostanza.

Dopo appena due anni dalle nozze mi sono ritrovata sola e senza un soldo. Sono stata costretta a separarmi.

Non era sopportabile per me non essere amata.

Ho sbagliato sulla mia pelle sposando “il nulla assoluto” in tutti i sensi.

Un abbaglio che nascondeva una tomba. La mia!

Inoltre, provengo da una famiglia dove il conflitto è la regola base e dove il metro di misura delle relazioni è il “giudicare senza sapere”. Una famiglia dove troppo spesso, ancora oggi,  si è manifestato il lato più infelice dell’essere umano, dove la logica del denaro e del potere è al primo posto rispetto a chi è debole.

Per fortuna non sono tutti cosi.

C’è mia madre che si è separata 10 anni fa da mio padre ed a cui sono ancora molto legata, ed i miei nonni, ormai in cielo, dai quali ho ricevuto tutto quello di cui avevo bisogno, compresi quei commoventi racconti di guerra di mio nonno, e di come mia nonna sapeva cucire le camicie tagliando la parte migliore delle lenzuola, perché a quei tempi, comprarne una era un miracolo per pochi.

È stato un continuo omologarmi con tutti gli altri, affinché si potesse avere un dialogo, fino a quando poi mi sono sposata giocandomi le ultime energie rimaste, per poi cadere, subito dopo la separazione, in un periodo di forte incertezza.

Dopo un difficile recupero ho deciso di prendermi la responsabilità del mio benessere.  Ho fatto a modo mio e ho deciso di chiudere tutti questi faticosi capitoli, ( i miei nonni erano ormai morti ) decidendo di non avere più contatti con la mia famiglia di origine, ( tranne mia madre) troppo impegnata con schemi disfunzionali e innaturali.

In quel periodo di costruzione individuale ho conosciuto il mio attuale marito Giuliano 🙂

Dopo 5 anni di convivenza ci siamo sposati e ora siamo insieme da 10 🙂

Ho chiuso così ogni contatto con il passato.

Da questi periodi nuovi, senza più obblighi o restrizioni mentali,  la mia vita è decollata.

E così è arrivata la pace, la libertà di fare cose bellissime.

Ho studiato molto e mi sono specializzata in tante cose.

Ho voluto ad ogni costo volare come ho sempre desiderato.

Credo che certe famiglie o persone “chiuse” possono ucciderti dentro.

Nel tempo ho capito a mie spese che non c’è nessun motivo al mondo per cui dobbiamo per forza stare con delle persone  solo perché si condivide un cognome o per “quieto vivere”.

Se non c’è amore e rispetto nessun legame può funzionare, compreso quello tra genitori e figli, o tra fratelli e sorelle.

Ci sono migliaia di storie familiari come la mia, dove si recita tutti i giorni pur di non prendersi a pugni.  Se ci penso mi vien da sorridere, ma sul momento quando sei dentro fino al collo certe cose non ti scivolano addosso facilmente. Ci stai malissimo e ti ammali.

Purtroppo con il mio lavoro spesso ascolto tanti drammi domestici, quelli che NON DEVE SAPERE NESSUNO e che mai si potrebbero immaginare.

Storie di dolore represso, di silenzi e rancori decennali.

Bisogna liberarsi di questi inutili sentimenti, portano solo ad una cattiva salute mentale e fisica. Bloccano i tuoi sogni, le tue aspirazioni. Tutta la tua energia vitale è assorbita in quell’impasto e credi che è quello il tuo destino. Ma non è così!!!

In compenso posso testimoniare che negli ultimi anni ho incontrato tantissimi fratelli sorelle e padri di Spirito che hanno colmato tantissimo la mia vita. Ho capito cosa è l’amore vero, senza quelle invidie assurde e manipolazioni a cui ero stata abituata io, purtroppo, per tanti e tristissimi anni.

Dalle persone care è difficile aspettarsi il male, o meglio non riesci ad accettarlo nelle viscere, invece può accadere.

Ricordo che quando le cose andavano male trovavo le risposte nello studio, nella conoscenza.

L’ignoranza ad ogni livello è il vero male delle persone e della Terra.

Oggi mi piace scegliere con molta attenzione con chi desidero stare.

Tu che ne pensi ? 😉

Ho frequentato le migliori scuole di PNL e Coaching in Italia e negli ultimi anni mi sono specializzata anche in Counseling Relazionale.

Finalmente il mio fuoco interiore aveva una forma precisa 🙂

L’amore per le cose belle non è riuscito nemmeno a farmi scegliere di fare l’ avvocato. Dopo aver lavorato in alcune multinazionali ho svolto la pratica forense. Volevo assicurarmi che non fosse un futuro rimpianto. Ma non era la mia strada e ho mollato tutto. Quel mondo è troppo distante dal mio cuore.

Ad oggi la mia professione è aiutare le persone a realizzare se stesse, nel privato e nella vita professionale, senza più condizionamenti che seppelliscono i talenti che sono  la più potente risorsa che il cielo ci ha donato.

Il mio lavoro si svolge in modo digitale, con sessioni online, con corsi di

formazione in diretta streaming.

I motti principali della mia esistenza sono 2 :

1. Se siete preparati non temete.

2.La conoscenza di Sé è Libertà.

Un’ altra cosa che mi appassiona tanto è la formazione esperenziale in diretta Streaming e in presenza.

Con le persone che frequentano i miei corsi nascono rapporti speciali, l’affetto che si crea nelle nostre aule virtuali è uno spettacolo tutto da vivere.

Spero di essere riuscita a dirti ciò che conta per me.

Il mio viaggio continua , e quello che so è che mi sento libera e credo che questo valga ogni sforzo, ogni dolore e sacrificio che ho dovuto superare, compreso il fatto di essermi lasciata alle spalle un sacco di persone.

…la parola “sacco” non è a caso, perchè le zavorre pesano 😀

Ti abbraccio caramente

Giusy